Wild 7 (ワイルド7, Wild 7)

Regia di Hasumi Eichirō Di 07 Novembre 2012

Il Ministero di Polizia giapponese, di fronte al crescere del crimine organizzato e delle attività terroristiche, decide di autorizzare la costituzione di un gruppo selezionato di agenti speciali motorizzati, noto in codice come Wild 7 e guidato da un ispettore particolarmente sagace. I sette componenti sono tutti ex detenuti per colpe gravi e graziati in cambio del fatto di prestare le loro "professionalità" al servizio della sicurezza nazionale.

wild7Wild 7 (ワイルド7, Wild 7). Regia: Hasumi Eichirō. Soggetto: dal manga di Mochizuki Mikiya. Sceneggiatura: Fukasawa Masaki. Fotografia: Esaki Tomoki. Montaggio: Oe Hideyuki. Interpreti: Eita, Nakai Kiichi, Fukada Kyōko, Shiina Kippei, Maruyama Ryuhei, Abe Tsuyoshi, Ukaji Takashi, Hirayama Yusuke, Matsumoto Minoru, Kaname Jun, Motokariya Yuika. Produzione: Yagi Kinya per Warner Japan. Durata: 109'. Uscita nelle sale giapponesi: 21 dicembre 2011.

Link: Sito ufficiale

1-stella

Il Ministero di Polizia giapponese, di fronte al crescere del crimine organizzato e delle attività terroristiche, decide di autorizzare la costituzione di un gruppo selezionato di agenti speciali motorizzati, noto in codice come Wild 7 e guidato da un ispettore particolarmente sagace. I sette componenti sono tutti ex detenuti per colpe gravi e graziati in cambio del fatto di prestare le loro "professionalità" al servizio della sicurezza nazionale. Il loro compito è di eliminare criminali che la polizia non riesce a catturare o non può toccare per le loro connessioni con la malavita organizzata e i politici. Parallelamente, un giustiziere isolato, anch'egli in motocicletta, ha talvolta lo stesso bersaglio dei sette, salvo poi rivelarsi una affascinante donna. Di impresa in impresa, l'unità speciale arriva alla resa dei conti finale con un personaggio intoccabile.

Imitazione dei tanti film americani d'azione (e non a caso la distribuzione è Warner), Wild 7 è un film molto superficiale che non si preoccupa della seppur minima congruenza logica. Le scene d'azione, scontate e fini a se stesse si alternano a conciliaboli ancor più ridicoli fra i componenti dell'unità speciale o fra i rappresentanti delle forze dell'ordine. Il grado di credibilità complessiva risulta inaccettabile anche per ragazzi delle scuole medie.

Sebbene si tratti di un prodotto dozzinale il cast è comunque composto di nomi di un certo rilievo, come Eita (il leader del gruppo), Nakai Kiichi (l'ispettore a capo del gruppo) o Fukada Kyōko (il giustiziere isolato). Il regista Hasumi Eichirō è lo stesso della serie di successo al botteghino Umizaru. [Franco Picollo]

Cerca recensione

Sonatine

Appunti sul cinema giapponese contemporaneo

Questo portale raccoglie recensioni critiche di film e documentari giapponesi realizzate da un gruppo di appassionati.

Area Riservata