Boizu On Za Ran (ボーイズ・オン・ザ・ラン, Boys on the Run)

Regia di Miura Daisuke Di 09 Gennaio 2011

Ritratto disincantato, senza sbavature romantiche o esistenziali, di un giovane prossimo ai 30 anni (Mineta Kazunobu) che vive ancora con i genitori e lavora in una piccola azienda che produce giocattolini per i distributori automatici di Akihabara.

Boizu On Za Ran (ボーイズ・オン・ザ・ラン, Boys on the Run). Regia e sceneggiatura: Miura Daisuke; soggetto: dal manga omonimo di Hanazawa Kengo; fotografia: Kimura Shinya; interpreti: Mineta Kazunobu, Kurokawa Mei, You, Lily Franky, Matsuda Ryuhei, Kobayashi Kaoru; durata: 114'; prima: 30 gennaio 2010.
PIA: commenti 3,5/5  all'uscita delle sale: 70/100

Link: Mark Schilling (Japan Times)

Ritratto disincantato, senza sbavature romantiche o esistenziali, di un giovane prossimo ai 30 anni (Mineta Kazunobu) che vive ancora con i genitori e lavora in una piccola azienda che produce giocattolini per i distributori automatici di Akihabara. I suoi interessi al di fuori del lavoro riguardano soprattutto il sesso, soddisfatto più che altro da solo con video porno o con prostitute. Un perfetto sfigato, si direbbe in italiano. L'inaspettato interessamento di una collega di lavoro (Kurokawa Mei) nei suoi confronti mette in moto una serie di eventi segnati comicamente da disagio, equivoci, fraintendimenti, paure, insomma l'intero campionario delle difficoltà relazionali che stanno caratterizzando in misura crescente i giovani giapponesi. Il film di Miura, al suo esordio dietro la macchina da presa, non ha però nessuna velleità sociologica bensì comica. E in effetti, nella prima metà un po' di divertenti situazioni tragicomiche ci sono. Nella seconda parte però le cose cambiano e la storia diventa più seria ma meno interessante. Il risultato è intelligentemente incompiuto.

Mineta Kazunobu (cantante del gruppo punk rock Ging Nang Boyz) è convinvente nella parte di questo perdente che alla fine non fa neanche più ridere. You, nella parte della prostituta, è brava anche questa volta a utilizzare la sua voce particolare al servizio del ruolo che si trova a impersonare. [Franco Picollo]

Cerca recensione

Sonatine

Appunti sul cinema giapponese contemporaneo

Questo portale raccoglie recensioni critiche di film e documentari giapponesi realizzate da un gruppo di appassionati.

Area Riservata