Kessen! Joshiryō tai danshiryō (決戦!女子寮対男子寮, Decisive Match! Girls Dorm Against Boys Dorm)

Regia di Sono Sion Di 19 Ottobre 2010

In concomitanza con lo svolgersi di una maratona mondiale, i ragazzi di un dormitorio femminile e uno maschile si incontrano e si scontrano per le strade cittadine in una corsa a perdifiato che, per una delle protagoniste, si conclude in riva al mare con un evento prodigioso.

sono5Kessen! Joshiryō tai danshiryō (決戦!女子寮対男子寮,  Decisive Match! Girls Dorm Against Boys Dorm). Regia, soggetto sceneggiatura, fotografia, scenografie e montaggio: Sono Sion. Interpreti: Kawanishi Hiromi, Kobayashi Kazuko, Hida Michiko, Oguchi Utako, Suzuki Kensuke, Sono Sion. Durata: 90'. Anno: 1988. Super8.
 
Questo film verrà presentato nella rassegna "Rapporto confidenziale" al 29° Torino Film Festival (29 novembre-3 dicembre). In tale occasione "Sonatine" pubblicherà in collaborazione con il Festival il volume "Il Signore del caos. Il cinema di Sono Sion", contenente un'intervista inedita a Sono, un'ampia introduzione alla sua opera, alcuni saggi critici e le schede di tutti i film proiettati nella rassegna.

In concomitanza con lo svolgersi di una maratona mondiale, i ragazzi di un dormitorio femminile e uno maschile si incontrano e si scontrano per le strade cittadine in una corsa a perdifiato che, per una delle protagoniste, si conclude in riva al mare con un evento prodigioso.

Considerato dallo stesso Sono l’opera più riuscita di tutta la sua produzione in 8mm, consiste, nelle sue parole, in un misto di «anarchia, azione e romanticismo». Decisive Match è il primo film di Sono ad accantonare la pura introspezione personale per esibire un abbozzo di racconto, per quanto estremamente libero, impalpabile e tutt’altro che lineare negli sviluppi. I personaggi continuano a sembrare emanazioni dello stesso Sono (ma la propensione all’autobiografismo è una caratteristica del cineasta che non si estinguerà del tutto nemmeno nelle opere della maturità), e ne è prova il fatto che uno dei protagonisti maschili sia interpretato dallo stesso regista (che sfoggia una vistosa giacca rossa e una capigliatura punk), mentre la controparte femminile indossa gli occhiali scuri privi di una lente che avevamo già visto addosso al cineasta in I am Sion Sono!. Tuttavia, appare più ricca, in questa pellicola, la varietà dei personaggi, le cui personalità, pur soltanto abbozzate in un affresco caotico, frammentario e altamente digressivo, sembrano godere di un respiro proprio.
A livello tematico, sono presenti quelle dinamiche di incontro/scontro tra i sessi, di appartenenza al gruppo, di sottomissione e disgregazione che ritroveremo espresse al meglio in opere più elaborate come Love Exposure.
A livello stilistico, invece, si percepiscono echi non soltanto della Nouvelle Vague (Godard nell'uso delle didascalie che contraddistingue l'intera filmografia di Sono, per esempio; Truffaut nel finale sulla spiaggia), ma anche dei principali cineasti giapponesi che in quegli anni registravano le pulsioni giovanili, come Sōmai Shinji, Yanagimachi Mitsuo e Ishii Sōgo. L’aspetto e l’atteggiamento ribelle dei personaggi di Sono, che impugnano mitra e pistole giocattolo, non sfocia mai, come forse ci si aspetterebbe, in rappresentazioni brutalmente cyberpunk come quelle realizzate da Ishii in quegli stessi anni. Al contrario, già in quest'opera Sono tradisce sempre, in particolare nell’attenzione alle scelte cromatiche e agli accostamenti sonori, una spiccata predilezione per soluzioni artisticamente eleganti. [Giacomo Calorio]

Cerca recensione

Sonatine

Appunti sul cinema giapponese contemporaneo

Questo portale raccoglie recensioni critiche di film e documentari giapponesi realizzate da un gruppo di appassionati.

Area Riservata